Leader di tutti i giorni / Everyday leaders

by simonacampli

assertiveness

E’ passata da poco la ricorrenza della festa della donna e questo mi ha portato a riflettere sulle sfide che le donne hanno davanti oggigiorno nella vita quotidiana, e nel mondo professionale soprattutto. Se, come sappiamo tutti, una donna si trova spesso come difficoltà maggiore a dover creare un complicato equilibrio tra posizione professionale – ruolo di madre – relazioni sociali, è pur vero che ormai nel mondo moderno occidentale, queste responsabilità sono condivise quasi al 50% col proprio compagno.

Rimane però ancora complessa la figura della donna leader e spesso mi è capitato con le mie clienti di affrontare la tematica dell’assertività, che sia nel contesto personale, sia in quello professionale, non sempre è di facile conquista, tra le appartenenti al mondo femminile.

Cosa vuol dire assertività prima di tutto?

L’assertività (dal latino “asserere” che significa “asserire”), o asserzione (o anche affermazione di sé), è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni senza tuttavia offendere né aggredire l’interlocutore.

Spesso questa capacità si unisce con altre caratteristiche, come una buona organizzazione, una solida fiducia in sè stessi e la capacità di creare miglioramenti concreti, nel comporre una figura di leader.

Raggiungere questi traguardi sembra abbia solo un valore professionale, ma, invece, fa la differenza anche nei nostri sentimenti, e nel valore – o status- che diamo ai noi stessi. Troppo spesso si cade nell’errore di definire questo status solo per comparazione con gli altri (dove spesso il vincitore è chi possiede più valore economico) e ci si ritrova cosi a vivere sentimenti di profonda insicurezza, insoddisfazione e anche invidia.

Come possiamo quindi riconquistare un pò di assertività e ristabilire in generale la nostra leadership, prima di tutto con noi stessi e poi con gli altri, per chiamarsi fuori dal gioco delle “definizioni per contrasto” e decidere da soli quanto valiamo?

  • Impariamo ad esprimere i nostri sentimenti, piaceri o interessi. Ci vuole onestà per raggiungere questo traguardo e, le prime volte, lo sentiremo come un piccolo salto nel vuoto. Ma quando toccheremo terra tutte intere ci sentiremo più forti di prima.
  • Parlare di sè. Condividere i propri progetti e traguardi, o anche insuccessi e dubbi, crea vicinanza con le persone che stimiamo. E, ancora una volta, ci fa “sentire” un pò di più.
  • Comunicare più apertamente, a livello sia verbale che non verbale. Aumentare il nostro potere comunicativo, da un semplice ma diretto saluto, al guardare negli occhi la persona con cui stiamo parlando, fa la differenza nella qualità della comunicazione.
  • Saper accettare i complimenti, senza imbarazzo, aiuta il nostro senso di soddisfazione personale e premia colui che ci sta lodando, invece di farlo sentire in colpa.
  • Allo stesso modo, saper esprimere disaccordo in maniera ferma, ma educata, senza sentire di doversi giustificare troppo, afferma la nostra personalità e ci fa sentire di mantenere “la testa alta”. Difendere i propri punti di vista e diritti è fondamentale per sentirsi leader nella propria vita. Vi ricordate quando abbiamo parlato di come imparare a dire di no?
  • Chiedere spiegazioni quando qualcosa non è chiaro, invece che brancolare nel buio e rischiare di fare errori e creare disorganizzazione, non ci fa apparire deboli, anzi. L’umiltà è una caratteristica chiave di un leader.
  • Mantenere alto il livello di creatività e di innovazione nelle piccole scelte quotidiane e nei grandi progetti di vita. Se miglioriamo considerevolmente il nostro stile di vita, o quello degli altri, ci sentiremo davvero delle leader nate!

 

Se ti è piaciuto l’argomento di questo post e vorresti essere contattato per essere avvisato su questo o altri argomenti, o proporne uno, riempi questo utilissimo form

————-

Recently we’ve been through the anniversary of women’s day  and that made me think on the challenges that every woman lives in her daily life, especially in the professional world. If the hardest of them is finding the good balance among professional succes, being a mother and having a shadow of social life, it is still true that nowadays, at least in the western modern world, these responsibilities are almost 50% shared with her partner.
Still, leadership is something difficult to built, and I’ve often found myself talking  with my clients about the importance of  assertiveness that can be one of the hardest achievement, through the feminine world.

What assertiveness means?
The assertive behavior (from the Latin “asserere” that means “to affirm”) or affirmation (or self- affirmation), is a characteristic of the human behavior that consists in the ability to express in a clear and effective way one’s emotions and opinions without offending neither attacking the interlocutor.

This ability often teamed up with good organization skills, a solid self-trust and the ability to create concrete improvements, to compose the leader figure.

Being a leader seemed to be something important only in the work environment, while, on the other hand, is a massive improvement for our own emotions and could make the difference in the value -the status- that we give to ourselves.

Too often one falls in the fatal mistake of defining the personal status out of a comparison with the others (where often the winner is who has the highest economic status) and we find ourselves in deep insecurity, dissatisfaction or even feeling envious.

How can we regain the assertiveness we need to reestablish our leadership, in front of ourselves and, then, the others, taking us out of the “contrast definitions” game, finally deciding independently how much we value ourselves?

  • Learn how to express your feelings, tastes or interests. It takes honesty to reach this achievement and, the first few times, we will feel as we were jumping in the void. But, as soon as we’ll touch the ground, all at once, we’ll feel stronger than ever.
  • Speak up for yourself. Share your projects, successes or even failures or doubts with the others, this helps to create proximity with the people we care the most. And, again, we’ll be heared a little bit more.
  • Communicate openly, verbally and non-verbally. Increasing our communicative power, from a simple but directed “hello”, to looking in the eyes of the person that we’re speaking to, these are the differences we need to raise the quality of our communication skills.
  • Know how to accept compliments, without embarrassment, helps our sense of personal satisfaction and rewards who is praising us, instead of making him/her feel guilty.
  • Equally, knowing how to express disagreement in a firm, but polite way, without feeling to we need to justified our words too much, is a way to affirm our personality, making us feel that we are walking with the “head held high”. Defending our own points of view and rights is fundamental to feel a leader in ourlives. Do you remember when we learnt how to say of no?
  • To ask for explanations when something is not clear, instead to grope in the dark, risking to make mistakes and create chaos, doesn’t make us appear weak, on the contrary. Humility is a key characteristic for a leader.
  • To maintain high the level of creativity and innovation even in the little, daily choices and in the great projects of life. If we’ll succeed in considerably improve our lifestyle, as the others’, will feel indeed as true leaders!

 

If you liked the topic of this post and you would want to be informed on this or other matters, or if you’d like to propose one, Just fill this useful form

Advertisements