Un pizzico di curiosità in più / Curiosity boost

by simonacampli

 

Re-discover curiosity as a small extra boost for a happy life.

How come it’s important to be curious? First of, curiosity is a natural attitude of the human being. We can simply think for one moment to kids natural curious attitude, or at the neuroscience studies on the brain plasticity. Of the latest discovery on this field comes from an experiment that has underlined the natural predisposition of the brain toward new, analysing the cerebral activity in temporarily sight-deprived people. The zone of the brain that interests the sight, the prefrontal cortex, initially reacts to sudden blindness, turning silent. What’s exceptionally is that after only a few days it starts to be activated in the presence of different stimuli as, for exemple, sounds. That is incredible! The body equivalent for curiosity to fight boredom!

Being curious is then something natural but what’s often happening in everyday lifeis that we gradually lose practice with it. What are we missing?

Positive correlations have been found between curiosity and intelligence, mental flexibility and, therefore, new knowledges, with being generally active and also with feeling excited. Have been also proved positive influences of curiosity on the health (back to cerebral activity, isn’t an exercised brain necessary to fight the old age?) and on positive relationships: being curious also helps us to be perceived as interesting people from others.

It’s obvious then that curiosity is an attitude that helps people feeling amused and relaxed.

In a book from the curious title (“Curiosity? Discover the missing ingredient to your happiness”) the Dott. Todd Kashdan, psychologist and Phd, promote curiosity as a key attitude in everyday life to find more easily purpose in one’s own existence and sense of satisfaction. Some sort of happiness hint! Wouldn’t be great?

If you feel by now convinced and you want to embrace this new curious spirit in your life let’s see shortly which footsteps can be useful to make and which we’ll be better off.

1. Look for those tiny details in your daily routine on which you had never paid attention.

2. When talking others, try to maintain an open mind and to hold on immediate judgments.

3. Try to embrace news letting gradually off the temptation (it’s human, yes, but with evil effects) to dominate them.

4. Indulge softly in new discoveries driven by senses; small sounds, smells, visual stimuli, everything that you can meet along the way.

And now, following up with our strategic approach, let’s see some useful tips elicited from how to worsen the situation:

° Try avoid labeling things, people, experiences in general.

° Avoid jumping to conclusions, as we said before, keeping  an open mind

° Ask (and ask yourself) questions but, above all listen to the answers with a positive curious attitude

°If you dealing with something or someone that you don’t agree with or, simply, that you don’t like, try and stay a moment with that feeling and discover something more about them

° If unfortunately you suffer for an annoying or simply ugly event, let’s try make a little effort, seeing if it has some hidden particular aspects that you haven’t considered before.

Obviously, as yin and yang, curiosity is tied up to uncertainty and we know how some of us could live that with some difficulty, not knowing what would be. Would you deprive you of this miraculous ingredient that is curiosity, being scared by an emotional block? If you want to discuss about your specific situation, you’ll find my contacts on the right link column.

 

If you liked the topic of this post and you would want to be informed on this or other matters, or if you’d like to propose oneJust fill this useful form

——————————————————-

  • L’avvenire è dei curiosi di professione. (dal film Jules e Jim)

Riscoprire la curiosità come una piccola arma in più per una vita felice.

Come mai è importante essere curiosi? Prima di tutto la curiosità è una attitudine naturale dell’essere umano. Basta pensare alla curiosità dei bambini oppure alle neuroscienze e agli esperimenti sul comportamento plastico del cervello umano. A questo riguardo un interessante studio ha evidenziato proprio la naturale predisposizione del cervello verso la novità grazie all’analisi dell’attività cerebrale in persone private della vista per qualche giorno. La zona del cervello che interessa la vista, la corteccia prefrontale, reagisce inizialmente all’improvvisa cecità rendendosi silenziosa. Ma dopo qualche giorno di questa nuova situazione sensoriale essa comincia ad attivarsi alla presenza di stimoli diversi dalla vista, come nel caso di stimoli sonori. Un risultato affascinante: la risposta fisica corrispondente alla curiosità per sconfiggere la noia!

Essere curiosi è quindi qualcosa che ci verrebbe naturale ma spesso nella vita di tutti i giorni perdiamo gradualmente la mano nell’esercitarla. Ma cosa ci perdiamo veramente?

Sono state riscontrate correlazioni positive tra la curiosità e l’intelligenza, la flessibilità mentale e quindi le nuove conoscenze, in generale quindi con l’essere attivi e anche sentirsi eccitati, di conseguenza. Sono state provate empiricamente anche influenze positive della curiosità sulla salute (tornando all’attività cerebrale, un cervello in forma è necessario per combattere la vecchiaia, no?) e nell’avere relazioni soddisfacenti: essere curiosi aiuta anche a farci percepire come interessanti dagli altri.

Ne deriva ovviamente che la curiosità è un’attitudine che aiuta a svagarsi e a rilassarsi.

In un libro dal titolo stimolante ( “Curiosità? Scopri l’ingrediente mancante alla tua felicità”) il Dott. Todd Kashdan, psicologo e Phd, promuove un atteggiamento curioso nella vita di tutti i giorni come chiave per trovare più facilmente scopo nella propria esistenza e senso di soddisfazione. Una sorta di pizzico di felicità insomma! Vi pare poco?

 Se vi siete convinti e volete abbracciare un nuovo spirito curioso nella vostra vita vediamo brevemente quali sono i passi da compiere ogni giorno, e quali sarebbe meglio evitare.

1. Cercate quei piccoli dettagli nella vostra routine quotidiana su cui non vi eravate mai soffermati.

2. Quando parlate con gli altri, cercate di mantenere una mente aperta e tenere a bada i giudizi immediati.

3. Cercate di abbracciare le novità, lasciando andare piano piano la tentazione (umana, ma dagli effetti diabolici) di controllare.

4. Fatevi guidare gentilmente nelle vostre scoperte da piccoli suoni, odori, stimoli visivi, che potrete incontrare lungo il vostro cammino.

A questo punto per seguire un approccio strategico alla questione aggiungiamo anche degli utili come peggiorare:

° cerchiamo di evitare le etichette alle cose, alle persone, alle esperienze in generale.

° evitiamo di saltare a conclusioni a favore, come dicevamo prima, di una mente più aperta

° fate ( e fatevi ) domande ma, soprattutto, ascoltate le risposte con il giusto atteggiamento curioso

° se siete davanti a qualcosa o qualcuno con cui non siete d’accordo o, semplicemente, che non vi piace, provate a restare un attimo con quella sensazione e approfondite la conoscenza

° se purtroppo sperimentate un evento fastidioso o brutto, fate un piccolo sforzo e cercate di vedere se esso ha anche degli aspetti nascosti che non avevate inizialmente notato.

Ovviamente, come yin e yang, la curiosità è legata all’incertezza e sappiamo che alcuni di noi potrebbero vivere con difficoltà la compagnia dell’ignoto. Vi privereste, quindi, di questo miracoloso elemento che è la curiosità per paura o per qualche altra emozione che vi blocca? Se volete parlarne i miei contatti sono nella sezione dei link qui sulla destra.

curiosity

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se ti è piaciuto l’argomento di questo post e vorresti essere contattato per essere avvisato su questo o altri argomenti, o proporne uno, riempi solo questo utilissimo form

 

Advertisements