Quantità vs Qualità / Quantity vs Quality

by simonacampli

2popcorn

Quantity should be a higher priority than quality, because it leads to higher quality.

It’s is one of the most ancient question ever asked. Pretty much similar to the ” what came out first the egg or the ant?” matter, but even more philosophical than that. This is why some people based on their answer to the question a whole lifestyle.

Picking up and analysing some stories and reflection on this old diatribe, I’ve found a curious story of a class, splitted in two groups by the ceramic teacher at the beginning of the school year, giving to each group a different task; one was in charge of producing the perfect vase and the second group was assigned to produce as many vase as possible. At the end of the year the group producing a vase a day had made the best vases because they had time to practice and improve results while the “quality” group had waste time excessively focusing on every small detail.

It is quality rather than quantity that matters. Seneca

An opposite reflection is offered by a study conducted at Stanford University on the exploratory behaviour of people over 30 years old. Apparently with the time passing people are more open to select few discoveries than before, during childhood and adolescence, when the typical nature is to look for the new everywhere and at everytime. With the years passing by we become more selective.

The most common answer to the “quantity vs quality” dilemma is, then, “it depends”. Obviously every context counts and every situation is different; sometime quantity can be the optimal strategy, especially if we are required to acquire a new ability or refine a result, while quality is the choice to make once we had already made our mind on the final goal to reach or we simply prefer to focus more on the process than the destination. We have already discuss this when we talked about the common difficulty on staying in the present, do you recall it?

I’d love to hear your stories on this question: quantity over quality? If you have reflections or idea to share or simply would like to tell your story leave a comment below or use the contacts on this page.

 

If you liked the topic of this post and you would want to be informed on this or other matters, or if you’d like to propose oneJust fill this useful form

 

———-

Quantity should be a higher priority than quality, because it leads to higher quality.

E’ una delle questioni più antiche mai poste, un pò come l’uovo o la gallina, ma più filosofica al punto che molte persone fondano sulla risposta a questa domanda un vero e proprio stile di vita.

Facendo una piccola ricerca di studi e riflessioni su questa diatriba ho trovato una storia interessante che racconta di una classe, divisa in due gruppi dall’insegnante di ceramica, all’inizio dell’anno scolastico; un gruppo ha il compito di creare il vaso perfetto mentre l’altro di creare più vasi possibile. Alla fine dell’anno il gruppo della “quantità” realizza i risultati migliori perchè ha passato più tempo ad esercitarsi e a migliorare il risultato, senza soffermarsi eccessivamente su ogni minimo dettaglio, come  è capitato, invece, al gruppo “qualità”.

It is quality rather than quantity that matters. Seneca

Una riflessione opposta è offerta da uno studio condotto dall’università di Stanford riguardo il comportamento esplorativo degli over 30. A quanto pare le persone oltre i 30 anni preferiscono esplorare di meno, rispetto ad un’età precedente, quella dell’adolescenza, tipicamente caratterizzata dalla predilizione assoluta per ciò che è nuovo. Con gli anni diventiamo più selettivi.

La più comune risposta al dilemma “quantità vs qualità” è, quindi, “dipende!”. Ovviamente, visto che ogni contesto cambia il problema e ogni situazione è a sè; a volte scegliere la quantità può essere la strategia vincente, soprattutto se si sta cercando di migliorare una capacità o un risultato, mentre la qualità viene prediletta quando già abbiamo un’idea chiara dell’obiettivo da raggiungere e sappiamo bene cosa vogliamo; quando insomma preferiamo gustarci il viaggio e non focalizzarci solo sulla meta. Abbiamo già discusso qualcosa di simile quando parlavamo della difficoltà odierna di vivere nel presente, vi ricordate?

Mi piacerebbe sentire le vostre storie sulla questione: quantità o qualità? Se avete riflessioni o idee da condividere o semplicemente volete raccontare un episodio a riguardo lasciate un commento qui sotto o utilizzate la pagina dei contatti.

Se ti è piaciuto l’argomento di questo post e vorresti essere contattato per essere avvisato su questo o altri argomenti, o proporne uno, riempi solo questo utilissimo form

 

 

 

Advertisements