Suffering deeply / Una profonda sofferenza

by simonacampli

This past week the circumstances of Robin Williams’ death touched me intensely. He was an incredible comedian, a beloved human being cherished by many who remember his outstanding capacity of bringing smiles and joy to people in need, with great will to help who he met during his life. A real stand-up comedian, Robin Williams made of spontaneity his weapon to touch many, many souls.

His passing has created a huge sense of grief and sadness, especially because it was by suicide. I literally grew up following his roles that is why, even if he was just a famous person, I had the feeling -as I’m sure others did- that it was a bit as a family matter.

When tragedies like this take place, my mind goes spontaneously after the story that is behind; unfortunately when it comes to famous people the real story often stays hidden and we are fed with multiple interpretations of the truth. The suggestive power of these interpretations is immense and I think this is when the situation gets really delicate. Let’s see how.

It has been said he was struggling with drugs and alcohol, that he had been depressed for years. Some other voices had used even the label “bipolar” to define its problem, to further explain to us how you can be a comedian and being depressed at the same time.

What should we think after all this labeling and explaining, in front of this painful ending?

The major risk here is to learn what being “depressed” or “bipolar” mean or, for people who have been labeled themselves with similar words, even thinking “if he couldn’t make it, why should I?”.

Sadly mental psychopathology has been known by the majority of people still mainly by common sayings, even beliefs or myths, far from being scientifically proven. We use a medical language and culture that divide the mind from daily difficulties; when something is broken and we’re not feeling good there’s a risk to slip in the “mental illness world”, a dark place where there are few answers and certainties, rigidly aside from the world.

This is a difficult situation to digest and accept nowadays, when we have a lot more discoveries and scientific responses compared to 50 or 60 years ago, when important fights have been fought and communications is powered by media that could easily spread a new and modern psychological culture of well being, far more useful for the wellness of every human being. Why this is not the case, unfortunately, is a thorny issue, with grim implications of people left in the dark because of economic and political interests.

As every other cultural revolution, the psychological one can start from the bottom,though, from common people. We can start asking for more information and quality answers, from trustworthy sources, maintaining our critical and flexible minds on the alert, pushing step by step the whole psychological community to take part of a new era: the psychological wellbeing era.

About the dangerous power of psychopathological labels, about suicide or alcoholism, we’ll discuss in the future weeks; today I’ll focus on depression and what is “bipolar” syndrome. I’d like to avoid lists of symptoms or behaviors that we can group under a label, this is the medical procedure. We’ll use the functioning diagnosis instead: what happens usually to someone who identifies him/herself with depression or bipolar syndrome and what can be done. As, apart from what you have heard, something can and must be done.

As any other emotional difficulty, feeling depressed or having emotional bumps, moving rapidly from one excess to the opposite one (this is what commonly indicates bipolar syndrome) has a heavy impact on the psychology of the individual.

When it comes to depression, surrender is the most common answer: leaving every project unfinished, pulling back – of the body and mind- from social relationships, these are the main consequences. Both with depressed or unstable mood the human being can feel irritable, losing the critical capacity in front of dangerous situations, especially towards the self.

This functioning diagnosis can find similarities between people suffering from these emotional problems, but apart from these generic things in common, stories can be hugely different. Everyone lives his/her own uniqueness and this is why the best response could only be a “bespoke” therapy.

With these emotional problems using psycho-drugs can be especially tricky since, in addition to lacking in scientific proves of efficacy, they can make the individual feeling more confuse in his/her emotions, making any therapeutic route slower. We could say that is a bit like having a thin layer between the human being and his/her emotions and the therapist: we can still talk about things and how they feel but the real and authentic therapeutic touch is compromised. Having said that, for everyone who is already taking medications is important to keep in mind that any abrupt suspension must be avoided; it is necessary to speak with a doctor to receive an adequate decreasing program, under supervision.

So which are the best therapeutic strategies for mood difficulties?

Everyone who is suffering is surrounded by risks, as well as resources. Having or re-establish a positive support system, emotionally speaking especially, is crucial, and very useful can be turning to a professional, who can contain emotional excesses, making them easier to handle, through a positive relationship and an adequate communication. Time can be a decisive factor to consider, to avoid the spread of feelings of hopelessness and anguish. In the appropriate therapeutic relationship the emotional urgency is contained and it is finally possible to plan ahead again, following desires and best strategies to reach them.

At this point the most common counter-argument is: “Easy to say but when someone suffers so deeply there is no therapy that can be effective”. It is true, the first and the last helping hand is ours. But, again, having a capable professional at hand can really make the difference. This reminds me the story of Milton Erikson, the most influent ipnotherapist of the ‘900, that lived his last years suffering from atrocious pains. When someone asked him how could it manage, he was used to reply “at a certain point I had to decide: either a terrible life of pain or living at the best of my possibilities, despite the pain”.

Is with the deepest respect for others’ pain that I wish for more and more people lost in the dark of emotional problems to find a way back in the wellbeing, with a helping hand, to be again able to build instead of destroying. If these words can have helped or could make a little difference in that direction, I will devote this outcome to the memory of those who got lost in the dark. And now let’s have a laugh together, in this case is really the best tribute.

http://blog.ted.com/2014/08/11/remembering-robin-williams/

Did you like the topic of this post?

Do you have some content you would like to read about?

Just fill this useful form

 

——————

Di recente mi ha toccato profondamente la triste storia della scomparsa dell’attore Robin Williams, un comico di estremo talento  e di incredibile improvvisazione, ricordato da molti per la sua capacità di far sorridere gli altri anche nei momenti di maggior sofferenza, con una grande voglia di aiutare e toccare emotivamente le persone intorno a lui.

La sua scomparsa, resa più tragica dal fatto che si tratti di un suicidio, ha toccato molti di noi che sono cresciuti accompagnati dai ruoli che ha impersonificato; era una persona famosa, si, ma un po’ di famiglia.

Quando accadono queste tragedie la mia mente va subito alla ricerca della storia che si nasconde dietro e nel caso di persone famose, la storia non si sa mai del tutto, perciò vengono divulgate diverse storie dai media. Il potere suggestivo di queste interpretazioni giornalistiche è enorme e, a mio parere, rende molto delicata la situazione. Come mai?

Si è detto che dietro un atto di sofferenza enorme come questo suicidio ci fosse una storia di alcol e droga. Si è detto anche che ci fosse una storia di depressione molto lunga. Alcuni giornalisti hanno anche definito più nello specifico la “malattia” con il termine di bipolarità, per spiegare a molti di noi che lo ricordavano come una persona allegra e tutt’altro che depressa, come mai si possa essere comici e depressi allo stesso tempo.

Cosa ne pensiamo di tutte queste etichette e interpretazioni impacchettate intorno a questa triste storia con un finale a dir poco doloroso?

Il rischio maggiore è di imparare da storie come questa cosa è la depressione o la bipolarità, ma anche, per chi ha ricevuto delle diagnosi simili, pensare semplicemente : se non ce l’ha fatta lui,  perché ce la dovrei fare io?

Purtroppo il mondo della psicopatologia è conosciuto ancora da molti di noi solo tramite modi di dire, conoscenze popolari, addirittura a volte credenze o miti, tutt’altro che scientifici. Per lo più usiamo ancora un linguaggio prettamente medico (per questo prima ho parlato di “malattia”) che separa la mente e le sue problematiche dalla vita quotidiana; quando qualcosa va storto o non ci sentiamo bene come vorremmo c’è il rischio di cadere nel “mondo della malattia mentale”, un mondo di poche risposte e poche speranze, che ci separa nettamente dal mondo comune. Questa è una situazione culturale inaccettabile al giorno d’oggi, quando abbiamo molte più risposte scientifiche di 50 o 60 anni fa, quando sono stata fatte delle lotte sociali importanti e quando i mezzi di comunicazione sono tali che potrebbero veicolare facilmente e velocemente informazioni più moderne, più accurate e, soprattutto, più utili per il benessere mentale di tutti. Come mai non accade purtroppo è una questione spinosa, con dei risvolti macabri come interessi politici o economici. Come ogni altra rivoluzione culturale, anche questa del sapere psicologico, può però partire dal basso, dalle persone. Siamo noi che dobbiamo cominciare a pretendere di sapere di più e soprattutto di ricevere informazioni di qualità, da fonti affidabili, mantenendo sempre un atteggiamento critico e flessibile verso successive scoperte e piano piano spingere anche l’intera comunità professionale a partecipare ad una nuova era, l’era del benessere psicologico.

Della pericolosità delle etichette psicopatologiche, di temi come il suicidio o l’alcolismo, ho intenzione di parlarne nelle settimane future; oggi vorrei stringere il focus sulla depressione e la bipolarità. Voglio evitare di dare elenchi di “sintomi” o comportamenti riconducibili a queste etichette psicopatologiche: questo è il processo medico. Noi useremo la diagnosi funzionale piuttosto: cosa succede di solito a chi si identifica con un problema di depressione o di bipolarità e cosa si può fare. Perché, a parte ciò che avete sentito dire, qualcosa si può, e si deve, fare.

Come tutte le difficoltà legate alle nostre emozioni, sentirsi depresso o soffrire di sbalzi d’umore da un eccesso all’altro (questo è comunemente indicato come bipolarismo) provoca enorme fatica emotiva. Nel caso della depressione la rinuncia di qualsiasi progetto di vita e il ritiro -fisico e emotivo- da relazioni sociali sono le due conseguenze principali che si manifestano. Nel caso del bipolarismo sentirsi schiavi di una ruota che gira impazzita ha più o meno le stesse conseguenze. In entrambi i casi si può poi avere forte irritabilità e perdere la capacità critica del pericolo, verso di sé soprattutto, lasciandosi andare a comportamenti che possono mettere in pericolo di vita la persona.

Questa definizione della depressione e del bipolarismo segue il loro funzionamento, più che etichette teoriche. Al di là di questo funzionamento simile da persona a persona, le storie di differenziano enormemente. Ognuno di noi vive la propria unicità ed è per questo che bisognerebbe chiedere aiuto per un intervento terapeutico “su misura”.

Inoltre, ancor più che in altre problematiche psicologiche, nel caso di difficoltà emotive così radicali sarebbe da evitare più possibile l’uso facile di psicofarmaci che, oltre a non avere ancora dimostrato scientificamente alcun miglioramento effettivo, possono rendere ancora più confusa la persona e le sue emozioni e rallentare il processo terapeutico. E’ come mettere un velo tra la persona e la sua emotività e il terapeuta: si può ancora parlare e ci si può ancora sentire ma è difficile che si realizzi un vero e autentico contatto terapeuticoDetto ciò per chi già prende psicofarmaci va ricordato che bisogna assolutamente evitare la sospensione immediata; è necessario rivolgersi ad un medico per un programma graduale sotto controllo.

Ma insomma, quali sono le strategie terapeutiche per questi problemi dell’umore?

Ogni persona che soffre è circondata da rischi, ma anche da risorse. Avere o ristabilire un sistema di supporto autentico, principalmente emotivo, può essere enormemente d’aiuto, ma anche rivolgersi ad un professionista che sia in grado di contenere gli estremi emotivi e renderli più gestibili dalla persona attraverso una efficace relazione terapeutica  e una comunicazione adatta a  gestire questo tipo di difficoltà emotive. Il fattore tempo può essere, infatti, come sempre cruciale per evitare che ci si avvicini a sensazioni di perdita di speranza e angoscia dilagante. Una volta che si è stabilita una relazione terapeutica positiva e l’urgenza emotiva è rientrata l’obiettivo diventa di costruire progetti e desideri futuri e le strategie migliori per raggiungerli.

A questo punto ci può essere questa obiezione: “Detto così sembra facile, ma quando si soffre così profondamente non c’è terapia che possa aiutarmi”. E’ vero, la prima e l’ultima persona che può aiutarci siamo noi stessi. Ma anche avere un professionista capace vicino può davvero fare la differenza. A questo proposito è esemplare la storia di Milton Erickson, il più importante ipnoterapeuta del ‘900, che visse gli ultimi anni della sua vita con fortissimi dolori. Quando gli si chiedeva come facesse, quale tecnica speciale usasse, lui gli rispondeva: “A un certo punto ho dovuto prendere una scelta: o vivere una pessima vita per via del mio dolore, o vivere al meglio delle mie possibilità nonostante esso”.

E’ con estremo rispetto per le sofferenze altrui che mi auguro che sempre più persone perse nell’abisso di problemi emotivi trovino una mano che le aiuti a ricondursi verso la strada del benessere e della costruzione, invece della sofferenza e della distruzione. Se le mie parole possono aver aiutato o potranno aiutare minimamente in questo lo dedicherò alla memoria di chi nella sofferenze si è perso. E ora facciamoci una risata che in questo caso è il miglior tributo:

http://blog.ted.com/2014/08/11/remembering-robin-williams/

Ti è piaciuto l’argomento di questo post?

Hai un argomento di cui vorresti sapere di più?

Riempi solo questo utilissimo form

 

 

Advertisements