Infidelity – Infedeltà

by simonacampli

It’s our imagination that is responsible for love, not the other person. – Marcel Proust

They say when your heart gets broken, as when someone cheats on you, you start to see the cracks in everything around you. There is now a rift between “before” and “after” and all is called into question. Why?

This is what couple therapist Esther Perel talks about in this clever video, saying how change of habits in these recent decades have seen the couple representing an ideal, instead of an economical or social necessity as it was before. This ideal is now grounded in pure love, so our partner need to satisfy for us an endless list of personal, emotional and many other types of needs.

Infidelity now becomes a real trauma that can attack our inner emotional balance, even our sense of identity.

So, as in other types of crisis that we can’t avoid or control completely since they come from outside, what is crucial to determine if we can survive emotionally from an infidelity -as individuals and as couples- is not the event itself but how we react to it. The ability to transform a crisis into a generative opportunity.

This means that infidelity in couples is unavoidable? We can’t provide the question with a simple yes or no answer. What can be said for sure is that infidelity isn’t a rare occasion, on the contrary, using Perel’s words: it has a tenacity that marriage could only envy.

On the motives behind an act of infidelity many researches underline gender differences but these aren’t unequivocally proved. What is extremely clear is, instead, that infidelity is based on secrecy, that has an element of freedom and vitality in it. The desire for the new lover prospers thanks to the imagination of something forbidden.

These are the fundamental principles of infidelity. As for the reasons behind it any story has its own, often even to be found outside the couples itself. This is another beaten stereotype: not only unhappy people cheat. Sometimes even the most happy person can cheat as a reaction to a huge loss, an inner crisis, difficulties of communication or for the necessity of a new self, a sort of identity revolution.

Can a couple move on from an infidelity together?

A research from earlier this year states that women tend to forgive more a purely sexual infidelity, while men can understand better an emotional involvement.

Infidelity can definitely represents a near-death experience for a couple. The chance of a new beginning together lies in how partners can cooperate for the re-construction of something new.

  • Re-establishing a new and authentic communication, honestly expressing our needs and emotions.
  • Venting pain and anger for the traumatic experience in a positive way.
  • Being both bearer of the couple’s values and protecting them (this applies especially for the partner who has committed infidelity).
  • Avoiding the endless research for the sordid details of what happened while moving the attention to the personal meanings, far more informative for the future of the couple.
  • Being surrounded by an emotional support system.
  • Bearing in mind that as infidelity is based on a request for verve, boldness and new, romantic love in a couple flourishes under the same circumstances.

And to finish with the beautiful and wise words that end the video, in the aftermath of an infidelity ask yourself:

Many of us in the Western World live two or more relationships and marriages in our lives. Today this one is finished. Do we want to create another one together?

 

Did you like the argument of this post?

Do you have some content you would like to read about?

Just fill this useful form

—-

E’ la nostra immaginazione che è responsabile dell’amore che proviamo, non l’altra persona. – Marcel Proust

Dicono che quando il nostro cuore viene infranto come succede quando viviamo un’infedeltà cominciamo a vedere le crepe tutt’intorno e dentro di noi. Si crea una frattura tra il prima e il dopo che rimette in discussione tutto. Come mai?

Lo spiega molto bene la terapeuta Esther Perel in questo video, dicendo come con il cambiamento dei costumi negli ultimi decenni, la coppia rappresenta non più una circostanza necessaria per motivi sociali o economici ma un’ideale. Questo ideale si basa sull’amore nella sua forma più pura, e il nostro partner diventa colui o colei da cui ci aspettiamo una lista infinita di appagamenti personali, emotivi, affettivi e molto altro.

Quindi l’infedeltà quando accade rappresenta un vero e proprio evento traumatico che attacca la nostra emotività nel suo substrato più personale, attacca perfino la nostra identità.

Ma come in altre situazioni di crisi che non possiamo del tutto controllare o evitare, la differenza sul nostro futuro e sulla nostra sopravvivenza emotiva – personale e di coppia – non la fa tanto l’evento in sé ma la nostra reazione ad esso. La capacità di trasformare la crisi in un momento rigenerante di possibilità.

Facciamo un passo indietro. Quindi l’infedeltà in una coppia è inevitabile? Ovviamente non si può dare una risposta così semplice. Ciò che però viene sempre più riscontrato è che l’infedeltà non è  un episodio raro e anzi a volte ha una tenacia nel suo presentarsi che – come dice bene la dottoressa Perel – il matrimonio potrebbe addirittura invidiare.

Come mai siamo così attratti dal tradire? Molti studi puntano sulle differenze di genere, che però non sono mai definitivamente provate. Cosa risulta veramente chiaro è che l’infedeltà attrae per la sua caratteristica di segretezza, che racchiude un certo senso di libertà e di ritorno ad una vitalità che non si è provata da un po’. Il desiderio di un nuovo amante, quindi, non si basa sull’appagamento sessuale ma sull’immaginazione – come diceva Proust – che si alimenta nel suo essere proibito.

Questo è il punto cardine del funzionamento dell’infedeltà. I motivi alla base possono invece essere diversissimi e, spesso, da trovare al di fuori della coppia. Questo è un altro cliché che cade: non tradiscono solo le persone infelici o in coppie infelici. Alla base di un tradimento ci può essere una reazione ad una perdita, un momento di crisi interiore, una difficoltà comunicativa o la necessità di una riscoperta di una nuova parte di sé, una sorta di ribellione di identità.

Ma si può superare un tradimento rimanendo insieme?

Uno studio condotto all’inizio di questo anno  ci dice che le donne tendono a perdonare più facilmente un tradimento puramente sessuale del partner, mentre gli uomini comprendono e perdonano meglio se alla base c’è stata una infatuazione emotiva.

Ciò che è certo è che l’infedeltà rappresenta per la coppia una sorta di “near-death experience”. Può esserci un nuovo inizio ma solo se entrambi i partner collaborano verso la costruzione o ricostruzione di qualcosa di nuovo.

  • Ristabilire una comunicazione autentica, onesta, delle nostre necessità ed emozioni.
  • Sfogare in maniera funzionale la rabbia e il dolore del trauma.
  • Farsi portatori dei valori della coppia e protettori – soprattutto il partner che ha tradito – del suo benessere.
  • Evitare di investigare i dettagli sordidi legati all’accaduto ma spostare l’attenzione sui significati personali, molto più informativi per la coppia.
  • Mantenersi circondati da un sistema di supporto emotivo.
  • Ricordarsi che se l’infedeltà si basa su un atto di vitalità, audacia e novità, anche la coppia fiorisce in queste esatte circostanze.

E con le interessanti parole che chiudono questo intrigante video, per vivere e reagire ad un’infedeltà bisogna chiedersi:

Molti di noi nell’Occidente viviamo due o più relazioni e matrimoni nella nostra vita. Oggi la nostra coppia è finita. Vogliamo crearne una nuova insieme?

Ti è piaciuto l’argomento di questo post?

Hai un argomento di cui vorresti sapere di più?

Riempi solo questo utilissimo form

 

 

Advertisements