How to positive communicate to each other: 10 golden rules / Parlarsi meglio: 10 regole d’oro

by simonacampli

comunicazione efficace coppia

Valentine’s day is just gone but little hearts and red gadgets are still in every window around us.

Love is in the air .. as the famous song said.

Unfortunately even if the calendar leads us in the arms of our love, discussions and tensions can create the opposite result, simply ruining the magic. As the first principle of human communication states

It’s impossible not to communicate

But is definitely possible to communicate better to have a stronger and happier relationship.

Which are the golden rules for a positive couple communication? There are many that should be reminded but today I’d like to start with a list of 10 basic ones.

  • Always prefer positive statements. This helps maintaining an atmosphere of possibility, avoiding unclear, double messages, minimizing misunderstandings and keeping our attitudes on the optimistic end. It may seems like a magic – as often happens when we acts as good strategists – while it is the highest form of communicative technology. And it is not as simple as you may think! Give it a try.
  • (consequently) Avoid using “not”. As for this phrase I could have said “try not to use the not” but instead I prefered presenting this rule on the positive = avoid using the “not”. This is most of the times a redundant and discouraging particle, especially in love talking!
  • Avoid underlining mistakes. Sometimes is just too tempting that we can’t resist pointing at those mistakes our partner did, right? This is a behaviour we probably learnt as kids, from our parents or in school. If it only happens every now and then and is presented kindly it might not be very harmful but when we indulge too much in it our relationship can soon start to resemble an emotional war zone! As we know, emotional wounds need much more time to heal properly! Another way to go would be offering an alternative when we see the other making a false step or asking to amend to it “as a favour”. We’ll come across as less judgemental and sooner or later the same helping hand will be offered to us when the roles will be inverse.
  • Speak in first person / Avoid jumping to conclusions. When we’re in need to express our opinion it’s always a good habit to start off by saying “in my opinion” or something similar. The risk is otherwise to be perceived as narrow-minded, only capable of looking at things from our own perspective. As a result our sweet half will more and more feel unseen and forgotten. Under the same logic, another phrase is very precious when we’d like to resolve a disagreement, without indulging in useless misunderstandings caused by jumping to conclusions. Let’s start your concern with saying “Correct me if I’m wrong but it seems that you say…”.
  • Be clear and direct in your complaints. Even the best communicators fall in disagreements. Before things get too annoying say something openly and calm, using all your diplomacy. In couples there is never a winner and a loser:

Either you win together or you lose together.

 

Next week we’ll continue with the second half of these Ten Commandements for a happier couple communication.

 

Words are like bullets. L. Wittgenstein

—-

 

Febbraio è il mese di San Valentino, ovunque ti giri ci sono cuoricini e gadget color rosso che cercano di attirare la tua attenzione.

Love is in the air – come diceva una famosa canzone.

Purtroppo anche se il calendario ci spinge verso le braccia del/la nostro amato/a, discussioni e tensioni varie spesso rompono l’incanto. Come celebra il primo assioma della comunicazione umana

Non si può non comunicare

Ma sicuramente si può comunicare meglio per avere un rapporto d’amore più soddisfacente.

Quali sono le regole auree per una buona comunicazione di coppia? Ce ne sono tante ma ecco qui una bella lista di dieci strategie che sciolgono di sicuro qualche nodo cruciale.

  • Prediligere sempre frasi affermative. Parlare in positivo apre la comunicazione alle possibilità, invia messaggi più chiari e “puliti”, spesso pratici ed operativi, che facilitano la comprensione e ci fa sentire ottimisti. Sembra una magia ma – come spesso succede quando si è strategici – proprio al contrario si tratta di pura tecnologia comunicativa. E non è semplice per niente! Provate per credere.
  • (Di conseguenza) Evitare di usare il NON. Avete fatto caso a come ho presentato questa regola? Avrei potuto scrivere: Non usare il Non! Invece ho preferito presentare questa indicazione utilizzando una versione più positiva grazie al verbo Evitare. Il non è una particella superflua e negativa, soprattutto nella comunicazione d’amore!
  • Evitare di sottolineare errori commessi. Quanto ci piace fare i puntigliosi e richiamare il nostro partner ad ogni piccolo o grande errore commesso, vero? E’ un comportamento appreso fin da piccoli quando venivamo sgridati dai nostri genitori o a scuola. Se presentato ogni tanto e con un sorriso probabilmente ci si passa su, ma se si indulge eccessivamente in questo comportamento comunicativo la nostra vita di coppia somiglierà sempre di più ad un campo di battaglia. E le ferite – emotive – delle parole si sa che hanno bisogno di molto tempo per guarire del tutto. In alternativa possiamo “chiedere un favore” o proporre un’alternativa che potrà essere accettata dalla coppia.
  • Parlare in Prima Persona / Evitare di saltare a conclusioni affrettate. Quando vogliamo esprimere un’opinione è buona norma usare come prefisso “secondo me” o qualcosa di simile, altrimenti ci abitueremo sempre di più a pensare che il nostro punto di vista è l’unico che c’è e sarà sempre più difficile “vedere” l’altra/o in tutti i sensi. Quando ascoltiamo va da sé che invece di saltare a conclusioni, sempre perché seguiamo il nostro punto di vista personale, bisognerebbe chiedere conferma dell’opinione alla nostra dolce metà. Come? Comincia la frase dicendo “Correggimi se sbaglio, tu vorresti dire che..”.
  • Essere più diretti nelle “denunce”. Anche con le migliori intenzioni ci si infastidisce. Quando vuoi far notare qualcosa che ti ha ferito o che proprio non ti va giù, cerca di farlo apertamente e in maniera diplomatica. Nelle coppie non c’è mai un vincitore e un vinto:

O si vince in due, o si perde in due.

La prossima settimana vedremo la seconda parte di questo decalogo per la comunicazione efficace di coppia.

Le parole sono come pallottole. L. Wittgenstein

 

Advertisements