Innovation Strategies / Strategie di innovazione

by simonacampli

October – innovation month. We’ve discussed the most suitable environment for innovation, the help that could arrive from a good management of human emotions, the smart use of communication through storytelling.

Today it’s time to move on to technique, strategy. What’s the strategic method to achieve innovation.

There are many ways which have been proposed as routes to innovation, at least as much as all the various meanings attached to the word. New, mindset, improvement, change or reaction to it, advantage.

Problem-solving approach

We cannot solve our problems with the same thinking we used when we created them –

A. Einstein

This is the methodology which starts defining the issue (lack of innovation), to, then, move on analyzing the already attempted solutions and finally inserting one or more techniques tailored on the chosen definition of the problem, in order to create a solution which matches the same structure.

Solution focused approach

Imagine that tonight as you sleep a miracle occurs in your life. A magical momentous happening that has completely solved this problem and perhaps rippled out to cover and infinitely improve other areas of your life too…

Think for a moment and tell me… how is life going to be different now? Describe it in detail.

What’s the first thing you’ll notice as you wake up in the morning? Steve de Shazer

On the reverse angle, starting from the solution to eliminate the problem as if there were an imaginary path of which the arriving point is known (being the problem-free scenario) and the starting point as well (the present). Which are the steps to put these two points in contact? Creating the solution with our imagination.

Business, plan – hypothesis approach vs play approach (learning by doing)

This is an interest way to go, as you can see described in this video by entrepreneur Diana Kander while she presents the Marshmallow Challenge. This team exercise has the goal to build – through an group innovation process- a tower made of spaghetti and to put a marshmallow on top. The only other material of the tower is scotch-tape.

The groups at the extremes are the MBA professionals which focuses on planning, work distribution, hypothesis, leaving very little time to experimenting with actual results (in a time-restricted structure, eventually failing) and the kindergarten kids which do quite the opposite, playing with the materials to create many different prototypes, learning by doing.

 

International consultancy McKinsey has created this chart with a list of 8 crucial stage for innovation:

 

strategie d'innovazione

Each methodology presented entails some obstacles so the final decision of which one to pick must stays within the specific case.

Here some of the most common obstacles or problematic factors:

  • fear of failure, managing the new acquired mindset
  • perceptive tunnel on the results (forgetting the process) vs an effective, slow and mindful rhythm
  • resistance to change because of underlying firm values attached to previous mindset
  • lack of continuing commitment
  • maintaining results in time
  • need of external resources or partnerships and how to reach those
  • lack of creativity, before and during the innovation process.

 

Very soon the last post closing the Innovative October series.

***

Ottobre mese dell’ innovazione. Abbiamo parlato del miglior sistema ecologico per l’innovazione, dell’uso e la gestione delle emozioni per l’innovazione, della comunicazione per l’innovazione attraverso lo storytelling.

Oggi approcciamo l’aspetto della tecnica, del metodo strategico per l’innovazione.

Esistono tanti metodi individuati come miglior strategia, o set di strategie, per l’innovazione.

Ne esistono tanti quanti i diversi significati che sono associati alla parola. Novità (nuovi percorsi e idee), mentalità, miglioramento, cambiamento,vantaggio, reazione al cambiamento.

Vediamo alcuni di questi metodi.

Approccio analisi del problema

Non possiamo risolvere i nostri problemi con la stessa mentalità che ci portato a crearli. –

A. Einstein

Questo metodo parte dalla definizione del problema per poi, attraverso lo studio delle reazioni o tentativi di soluzione già provati, inserire una o più strategie di soluzione che si adattano alla natura o struttura del problema stesso.

Approccio che parte dalla soluzione

Se ti svegliassi domani e il tuo problema più grande fosse scomparso, come te ne accorgeresti? Cosa faresti o sentiresti di diverso?

Il percorso inverso è partendo dalla soluzione cercare di immaginare uno scenario senza il problema e poi, attraverso un percorso simile al completamento di puntini di sospensione, riavvicinare lo scenario della soluzione al presente, sovrapponendolo ad esso. Creando la soluzione.

Approccio business (planning->test) vs approccio play (learning by doing)

In questo interessante video l’imprenditrice Diana Kander ci spiega la sfida del Marshmallow, un esperimento di collaborazione in cui lo scopo – costruire una torre con degli spaghetti e dello scotch alla cui sommità bisognerà posizionare un marshmallow rendendo la torre più alta e stabile possibile – viene costruito attraverso un processo di innovazione da gruppi di soggetti diversi.

Lo stile del gruppo formato da esperti di business è di seguire il processo di innovazione partendo dallo studio del compito, seguendo con un piano di realizzazione, divisione delle mansioni e infine realizzazione.

Purtroppo siccome il tempo a disposizione è limitato seguire questa serie di fasi in questo ordine di priorità non lascia tempo al gruppo di fare i test necessari a perfezionare il risultato e quindi il successo è molto scarso perché la pianificazione teorica della torre non individua tutta una serie di caratteristiche che in pratica la rendono difficile da costruire (ad esempio il peso del marshmallow sulla struttura).

Un altro gruppo, diametralmente opposto in termini di caratteristiche di preparazione e approccio, è formato da bambini dell’asilo. Questi seguendo lo schema tipico del gioco si affidano al metodo del learning by doing, costruendo tante torri con cui sperimentare fino ad arrivare al miglior risultato.

La società internazionale di consulenza McKinsey poi presenta questo schema con un elenco di 8 tappe che un metodo di innovazione dovrebbe compiere: Ambire, Selezionare, Scoprire, Migliorare, Accelerare, Bilanciare, Estendere, Preparare all’azione.

 

strategie d'innovazione

 

Ogni metodo che incita e mira all’innovazione poi incontra sempre degli ostacoli che, a seconda dei casi in cui sono presenti, possono far indirizzare la scelta del metodo più adatto.

 

Eccone alcuni:

  • gestione del fallimento / della novità (resistenza al nuovo apprendimento)
  • focus solo sul risultato (e non sul processo) – riappropriarsi di un ritmo slow e non affrettato
  • resistenza per inerzia / valori (resistenza al cambiamento per paura)
  • commitment (forte identificazione con o motivazione per il risultato innovativo)
  • mantenere i risultati nel tempo (keeping up)
  • risorse (necessità di collaborazioni e partnerships)
  • mancanza di creatività prima e durante il processo di innovazione e nel tempo.

Ci vediamo la settimana prossima per l’ultimo articolo del mese di Ottobre dedicato all’innovazione.

 

Advertisements