Stratagem / Stratagemma

by simonacampli

stratagem

 

What are stratagems and why are they so important in strategic intervention?

Stratagems: history

In ancient Greece tradition Metis art ( greek goddess symbol of brilliance and shrewdness) embodied the ability of achieving the highest results with the smallest cost. This wasn’t intended in lack of effort but it meant “total efficiency and efficacy” (Nardone  2003), as in the stratagem of winning without fighting. Following mythology even Zeus was extremely envious of her so much that he ate her in order to take possession of her skills.

Stratagems are sophisticated devices aimed at overcoming obstacles with creativity and minimum waste. – D. Zolesi

Another important cultural tradition linked to the art of stratagems is the Chinese philosophy revolved around an ancient book of military strategy: The art of war by Sun Tzu. Along with this book it is crucial to quote another key source of knowledge, presenting a collection of 36 stratagems which, despite their military origin, can be successfully applied to a wide range of scopes, from problem solving in business to human relationships and effective communication. A rich language well-stocked with metaphors, analogies and aphorisms, offers the reader a glimpse on the main Chinese categories of thinking: the basic elements, direction of action, juxtaposition ( empty -yin- and full – yang or attack vs defense), the cycles and transformations.

 

Back to the Western world, stratagems are the main inspiration for persuasion rhetoric, back in top during the life of important philosophers such as Schopenhauer and Pascal (but even earlier used in Aristotle and the Sophists) after being clouded for a long time where the most common knowledge was based on the research of one, unconditioned, truth. West and East are reunited in a common, flexible, mindset we can explained using the wise words of Lao Tse:

The one constant is continuous change.

 

Unconventional and creative solutions

After this historical digression it should be quite clear how stratagems are, truly, extremely precious tools, able to guide, inspire and lead change to success.

In therapeutic practice as much as in problem solving, a style of thinking based on unconventional – strategic – logics, enlightened by the use of stratagems, has a strong accent on creativity and the clear potential of finding new solutions to innovate reality.

 

“Genius, in truth, means little more than the faculty of perceivingm in an unhabitual way.” – William James

 

**********

 

Cosa sono gli stratagemmi e perché sono uno dei concetti cardine dell’intervento strategico?

Gli Stratagemmi: la storia

Nella tradizione greca l’arte della Metis ( divinità greca che rappresentava l’astuzia, l’ingegno) promuoveva il concetto di stratagemma come mezzo per raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo. Questo non significa non applicarsi ma, al contrario, “in totale efficacia ed efficienza” (Nardone, 2003) vincere senza combattere. Secondo la mitologia persino Zeus era così invidioso che finì per mangiarla allo scopo di fare sue le capacità di Metis.

Gli stratagemmi sono fini espedienti volti a superare un impedimento con creatività e con il minor dispendio possibile di risorse. – D. Zolesi

Un’altra antica e saggia tradizione che parla di stratagemmi è quella cinese, dove essi prendono ruolo cardine di un testo famoso sulla strategia militare: L’arte della guerra di Sun Tzu. Accanto a questo testo dobbiamo però anche citare i 36 stratagemmi, sempre di inspirazione bellica ma con applicazioni infinite, dal problem solving aziendale, alle relazioni umane, alla comunicazione efficace. In un linguaggio ricco di stimolanti ed eleganti metafore, analogie ed aforismi ritroviamo tutte le categorie chiave del pensiero cinese: gli elementi, la direzione delle azioni, le contrapposizioni (tra vuoto yin e pieno yang o attacco e difesa) i cicli, le trasformazioni.

 

Tornando all’Occidente gli stratagemmi sono anche di inspirazione per la retorica della persuasione, riportata all’attenzione dall’opera di filosofi quali Pascal o Schopenhauer (ma anche con rimandi prima di loro ad Aristotele e ai Sofisti) dopo secoli di oscurantismo dovuti al pensiero assolutista guidato dalla ricerca della verità assoluta. Oriente e Occidente si riuniscono, quindi, in una nuova flessibilità di pensiero che si può condensare nelle parole di Lao Tse:

L’unica costante è il continuo cambiamento.

 

Soluzioni non convenzionali e creative 

Dopo questa digressione storica, comincerà ad essere più evidente come lo stratagemma rappresenti proprio questo, un prezioso elemento per guidare, inspirare e accogliere il cambiamento con successo.

Tornando alla pratica terapeutica e di problem solving, il pensiero basato su logiche non convenzionali, illuminate dagli stratagemmi, ha una forte matrice creativa quando si tratta di scoprire nuove modalità di soluzione e innovazione della realtà.

Il genio altro non è che la capacità di osservare la realtà da prospettive non ordinarie – William James

Advertisements